chi era il sommo sacerdote

cit. [9], Erode il Grande nominò almeno sei sommi sacerdoti; Archelao due. IV 8, § 14; XIV 9, §§ 3-5 [Ircano II come presidente]; XX. 20; Ket. Il sommo o gran sacerdote (ebraico: כהן גדול, kohèn gadòl) nell'antica religione ebraica era il capo della classe sacerdotale. Questa interpretazione è in conflitto con la tarda tradizione ebraica in base alla quale il Tannaim fariseo (lo Zugot) a capo delle yeshivot presiedeva anche il Gran Sinedrio (Ḥag. )[26], Flavio Giuseppe elenca solo cinquantadue pontificati durante il Secondo Tempio, tralasciando le seconde nomine di Giovanni Ircano II, Chananel e Joazar. 1); ma la poligamia da parte sua non era incoraggiata (= "una sola moglie"; vedi Yoma 13a, Yad, LCV 10). I sommi sacerdoti appartenevano alle famiglie ebraiche sacerdotali che tracciavano la loro patrilinearità fino ad Aronne, il primo sommo sacerdote e fratello maggiore di Mosè. [23] L'unica distinzione tra sommo sacerdote "unto" e "investito" è che il primo offriva il toro a riparazione di una trasgressione involontaria.[24][25]. [19] In tale giorno, cambiava i suoi paramenti sacri quattro volte, cominciando con gli abiti dorati ma cambiandosi nelle vesti di lino per i due momenti in cui sarebbe entrato nel Santo dei Santi (la prima volta per offrire il sangue di espiazione e l'incenso, e la seconda volta per recuperare il turibolo), e poi indossando nuovamente gli abiti dorati. I sommi sacerdoti prima dell'Esilio pare venissero nominati a vita;[10] infatti, da Aronne alla Cattività il numero dei sommi sacerdoti non fu più grande di quello dei sessanta anni che precedettero la caduta del Secondo Tempio.[3]. Ogni sommo sacerdote aveva un "mishneh" (un secondo) chiamato Segan (סגן), o "memunneh", che stava alla sua destra; un altro assistente era il "Catholicos" (Yad, loc. 1-2; Oh. Secondo la Tanakh, durante il suo servizio presso la Dimora (santuario itinerante nel deserto) e in seguito il tempio di Gerusalemme doveva indossare speciali indumenti, in particolare un pettorale (hoshèn) con 12 gemme con inciso su ognuna il nome delle 12 tribù. 71b) e un'altra nella città di Gerusalemme. Era il solo a poter entrare nel "Santo dei Santi", la camera più interna del Tempio di Gerusalemme: vi entrava una volta l'anno nella festa dello Yom Kippur, per offrire un sacrificio in espiazione dei peccati di tutto il popolo. [11] Aristobulo III di Israele tuttavia aveva solo diciassette anni quando venne nominato da Erode;[12] ma il figlio di Onias III era troppo giovane (νηπιος) per succedere a suo padre. È comprensibile, pertanto, che con la presa di Gerusalemme da parte degli zeloti, uno dei loro primi atti fu la nomina di un nuovo Sommo Sacerdote, come se in tal modo si intendesse costituire un nuovo governo ebraico a Gerusalemme.[7]. Di questi, quattro erano dello stesso tipo portato da tutti i sacerdoti, e quattro erano unici per il Kohen Gadol.[2][3]. Il Sommo Sacerdote aveva due completi di paramenti sacri: gli "abiti d'oro" sopra descritti, e una serie di "abiti in bisso" (bigdei ha-bad) che portava solo nel Giorno dell'Espiazione (Yom Kippur). Sotto la Legge mosaica, principale sacerdote che rappresentava il popolo davanti a Dio ed era preposto agli altri sacerdoti. 2). Il Sommo Sacerdote era soggetto alla giurisdizione dei tribunali, ma se accusato di un reato che comportasse la pena capitale veniva processato dal Gran Sinedrio; poteva tuttavia rifiutarsi di dare testimonianza (Sanh. ; poteva però invitare altri a bagnarsi con lui (Tosef., Sanh. Ma Re Salomone si narra abbia deposto il Sommo Sacerdote Abiatar, insediando Zadoq al suo posto, un discendente di Eleazar (1 Re 2:35; 1 Cronache 24:2-3). Secondo Flavio Giuseppe,[17] la nascita in suolo straniero non era una squalifica; ma le squalifiche di Levitico 21:17 et seq. 13). Sommo sacerdote In molte denominazioni dei mormoni, un Sommo sacerdote è un membro del sacerdozio all'interno dell'ordine di Melchisedec. Xx 10;... "Contra Ap." Sempre a partire dall'epoca ellenista, quando il Sinedrio divenne un'istituzione stabile e influente, il Sommo Sacerdote prese a essere il capo di quest'organo legislativo ed esecutivo.[3]. 9; Macc. In epoca ellenista (II-I secolo a.C.) la carica smise di essere ereditaria e la nomina fu affidata al regnante di turno, straniero (Seleucidi) o ebreo (Maccabei) che fosse. l'espressione neotestamentaria "sommi sacerdoti" riferita a Caifa e al predecessore Anna). Non poteva partecipare a banchetti pubblici, ma poteva visitare le persone in lutto per confortarle, per quanto la sua dignità doveva anche allora esser rispettata secondo l'etichetta prescritta (Sanh. Questa investitura consiste nel fargli indossare otto capi di indumenti e nel rimuoverglieli per otto giorni successivi, sebbene (l'unzione e) l'investitura del primo giorno sia sufficiente a qualificarlo per le funzioni del suo ufficio. [30], כּהֵן הָדֹאשׁ ,הַכֹּהֵן הַגָּדוֹל ,הַכֹּהֵן, Il cerimoniale di quel giorno viene descritto dettagliatamente nella, Ciò non è però del tutto chiaro; Hor. Dopo la distruzione del Tempio nell'anno 70 il servizio sacerdotale cessò e con esso la carica del sommo sacerdote. I sacerdoti lasciarono Gerusalemme e si dispersero in varie città. Ecclesiastico 1 (Siracide 1 è un'altra prova della grande riverenza in cui era tenuto il Sommo Sacerdote). xvii. Erode il Grande nominò almeno 6 sommi sacerdoti, e in seguito i governatori romani si arrogarono il diritto di nomina. Le persone lo visitavano per offrire condoglianze; nel riceverle, il Segan stava alla sua destra, il successivo in rango e il popolo alla sua sinistra. Si insegna inoltre che, proprio come i sacrifici favoriscono l'espiazione del peccato, così fanno anche i paramenti sacerdotali (B.Zevachim 88b). Secondo la Tanakh (Bibbia ebraica) il primo sommo sacerdote fu Aronne, fratello di Mosè (XIII secolo a.C.). www.testimonianzecristiane.it/teologia/vocabolario/sommosacerdote.htm  |  1-4 cita come distintivo il sacrificio di un toro esclusivo del solo sommo sacerdote nel Giorno dell'Espiazione (Yom Kippur) e il decimo di efa (cioè, i dodici "ḥallot"; Meg. In Esdra e anche nel Neemia poco rielevo viene dato al Sommo Sacerdote, la cui discendenza vien fatta risalire a Zadoq, nominato sommo sacerdote a Gerusalemme da Salomone (IRe 2:35), e Zadoq è ritenuto essere un discendente di Eleazar, figlio di Aronne (2 Cronache 5:34). Potevano essere indossati una volta soltanto, e nuovi completi venivano preparati ogni anno.[3]. Al tempo di Eli, tuttavia (1 Samuele 2:23), la carica passò al ramo collaterale di Ithamar (vedi Eleazar). Era l'incaricato del tamid, il sacrificio che a mattino e sera veniva offerto a Dio nel tempio. Anna fu nominato sommo sacerdote da Quirinio, governatore romano della Siria, nel 6 o 7 E.V. I sette giorni che precedevano il Giorno dell'Espiazione erano dedicati alla preparazione del suo grande cerimoniale, con numerose precauzioni adottate per prevenire qualsiasi incidente che potesse renderlo impuro leviticamente (Yoma I. Il sommo o gran sacerdote (ebraico: כהן גדול, kohèn gadòl) nell'antica religione ebraica era il capo della classe sacerdotale. Poteva prendere parte al servizio ogni volta lo desiderasse (Yad, LCV 12; Yoma I 2; Tamid 67b; vedi Rashi ad loc.). cit. In seguito anche il Sinedrio cessò di riunirsi e non fu più nominato un sommo sacerdote. Poteva sposare solo una vergine israelita (Levitico 21:13-14). Levitico 21:10 afferma enfaticamente che ogni nuovo sommo sacerdote doveva essere unto; Esodo 29:29 et seq. Il sommo o gran sacerdote (in ebraico: כּהֵן הָדֹאשׁ ,הַכֹּהֵן הַגָּדוֹל ,הַכֹּהֵן‎ , kohèn gadòl, o kohen ha-gadol) nell'antica religione ebraica era il capo della classe sacerdotale, dalla nascita della nazione israelita fino alla distruzione del Secondo Tempio di Gerusalemme. a.C.). Ma dopo che il breve periodo di massimo splendore di indipendenza nazionale fu giunto a ingloriosa chiusura, il sommo sacerdozio mutò nuovamente in carattere, in quanto cessò di essere ereditario e un ufficio vitalizio. 9, § 1 [Ananus]), così come il fatto che nel periodo postmaccabeo il Sommo Sacerdote si reputava esercitasse suprema autorità in tutte le funzioni, politiche, giuridiche e sacerdotali, dimostra con quasi certezza che la presidenza del Sinedrio fosse affidata al Sommo Sacerdote. Due sommi sacerdoti non potevano venire nominati insieme. Per le trasgressioni che comportavano la flagellazione, il Sommo Sacerdote avrebbe potuto essere condannato da un tribunale di tre; nel caso così fosse accaduto, dopo essersi sottomesso alla pena, avrebbe potuto [probabilmente] riprendere il suo ufficio (Yad, loc. La cerimonia della consacrazione, che si estendeva a un'intera settimana (Esodo 28-Esodo 29; Levitico 8), includeva certi rituali che tutti i sacerdoti dovevano eseguire: la purificazione; i sacrifici; il "riempimento" delle mani; la spalmatura del sangue. Tuttavia l'effettivo periodo di istituzione dell'ufficio e i compiti ad esso correlati non sono noti con chiarezza ed è stato ipotizzato che sia sorto solo in epoca relativamente recente, in seguito al ritorno degli Ebrei dall'esilio di Babilonia e alla ricostruzione del secondo tempio (VI-V sec. Un titolo paragonabile è l'ugaritico rb khnm. [28] I sommi sacerdoti deposti sembrano mantenessero il titolo e continuassero a esercitare determinate funzioni; tuttavia, il servizio sacro nel Giorno dell'Espiazione era riservato al Kohen Gadol in carica. Lui solo era autorizzato a entrare nel Santissimo, il compartimento più interno del tabernacolo e poi del tempio. 4). V. 16–17). [8] Se non aveva figli, l'ufficio sacerdotale passava al fratello più prossimo in età: tale sembra essere stata la prassi nel periodo asmoneo. Storia. Era anche chiamato “capo sacerdote” (2Cr 26:20; Esd 7:5). Sommo sacerdote, Opzioni per il download delle pubblicazioni 103b; Sifra, Ḳedoshim). 3ª ed., II. Il Sommo Sacerdote indossava otto indumenti sacri (bigdei kodesh). 5; vedi anche Flavio Giuseppe, "B. In epoca ellenista (II-I secolo a.C.) la carica smise di essere ereditaria e la nomina fu affidata al regnante di turno, straniero (Seleucidi) o ebreo (Maccabei) che fosse. Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce. Hai già messo mi piace sulla pagina facebook di Cathopedia? : ha-kohen ha-gadol) viene usato con riferimento ad Aronne e i suoi discendenti che sono unti con olio santo (Levitico 21:10; Numeri 35:25,28; Giosuè 20:6), e successivamente al sacerdote principale del Primo e Secondo Tempio di Gerusalemme (2 Re 12:11;22:4,8;23:4; Neemia 3:1,20;13:28). Tuttavia l'effettivo periodo di istituzione dell'ufficio e i compiti a esso correlati non sono noti con chiarezza ed è stato ipotizzato che sia sorto solo in epoca relativamente recente, in seguito al ritorno degli Ebrei dall'esilio di Babilonia e alla ricostruzione del Secondo Tempio (VI-V secolo a.C.). Il Talmud insegna che né i Kohanim né il Kohen Gadol erano idonei a officiare se non indossavano i propri abiti sacerdotali: "Mentre sono vestiti in abiti sacerdotali, vengono vestiti nel sacerdozio; ma quando non indossano gli abiti, il sacerdozio non è sopra di loro" (B.Zevachim 17: B). Quando entrava nel Tempio ("Hekal") era assistito oltre la tenda da tre uomini (Tamid 67a; ciò potrebbe forse avere riferimento al suo entrare nel Santo dei Santi; ma vedi Yad, LCV 11, e Mishneh Kesef, ad loc.) Era anche chiamato “capo sacerdote” ( 2Cr 26:20; Esd 7:5 ). Nel X secolo a.C. Salomone depose il sacerdote legittimo e insediò Zadoq, sempre un discendente di Aronne, dando inizio a una nuova dinastia. L'inizio del suo ministero era sancito da una unzione solenne sul capo, presumibilmente da parte (almeno per il periodo monarchico) di un profeta di corte.

Significato Del Nome Massimo, Alterazioni Di Ombrello, Battistero San Giovanni In Laterano Orari Messe, Al Bocon Divino, Venezia, Pizzeria Pantera Rosa Bologna Menù, Come Alleviare Il Dolore Ai Piedi, Cause Prima Guerra Mondiale, Abbigliamento Bambini Online Economico, Checkpoint San Giovanni Rotondo, Liceo Scientifico Sportivo Materie, Componente Aggiuntiva Isee Cos'è,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Assistenza