endobj 9 0 obj <>/Encoding<>>>>> endobj 10 0 obj <> endobj 11 0 obj <>/ProcSet[/PDF/Text]/ExtGState<>>> endobj 12 0 obj <> endobj 13 0 obj <> endobj 14 0 obj <> endobj 15 0 obj <> endobj 16 0 obj <> endobj 17 0 obj <>stream 0000000016 00000 n a tutti i volti visti dalla lampadina antica, A come da quel posto si può mai vedere il mondo. e i mille modi e i tempi, poi le possibilità, 0000029262 00000 n 0000070778 00000 n la vita, com'è fatta e come uno la gestisce Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare, mi dà un piacere assurdo la sua antica cortesia: lo vedo nella luce che anch' io mi ricordo bene Coi soldi risparmiati un po' perché non si sa mai. 0000037502 00000 n 0000049740 00000 n 0000066301 00000 n 0000083072 00000 n se è stato sufficiente sopravvivere a se stesso... a quell' odore solito di polvere e di muffa, 0000026197 00000 n Di uno che ha tanto tempo ed anche il lusso di sprecarlo: Non posso o non so dir per niente se peggiore sia. 0000082558 00000 n Fra i suoni usati e strani dei suoi riti quotidiani: Mangiare, sgomberare, poi lavare piatti e mani. Il pensionato, il testo completo della canzone | Discografia di Francesco GUCCINI, Canzone per la prima volta pubblicata nell'album "Via Paolo Fabbri 43" del 1976. A quell'odore solito di polvere e di muffa. 0000070838 00000 n e mentre sto fumando ancora un'altra sigaretta, 0000068073 00000 n 0000038511 00000 n a come da quel posto si può mai vedere il mondo, 0000066685 00000 n e ancora mi domando se sia stato mai felice, 0000004944 00000 n 0000083327 00000 n 0000010715 00000 n 0000016000 00000 n A quel tic-tac di sveglia che enfatizza ogni secondo. andar piano, in pantofole, verso il giorno che lo aspetta 0000037680 00000 n 0000049431 00000 n 0000082784 00000 n Io ascolto e i miei pensieri corron dietro alla sua vita, non posso o non so dir per niente se peggiore sia, 7 0 obj <> endobj E i gatti? 0000002319 00000 n 0000070479 00000 n di una sua gatta morta, di una lite coi vicini 0000022995 00000 n di lampadina fioca, quella da trenta candele, Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare, L'odore quasi povero di roba da mangiare, Lo vedo nella luce che anch'io mi ricordo bene. 0000070282 00000 n 0000005475 00000 n 0000022113 00000 n Avrà il marmo con l' angelo che spezza le catene 0000082137 00000 n 0000023151 00000 n H‰ÌWK’ÇÝã½±ˆ0ŠU™•õñÊ6ÅQHÁì¼¡´˜!G4Ãk†ôX¾î ø. Se un dubbio l'ebbe mai, se solo oggi si assopisce. E mi racconta piano, col suo tono un po' sommesso. 0000065872 00000 n A un'esistenza andata in tanti giorni uguali e duri. E i gatti? Leggi la nostra policy in materia di cookies. 0000035002 00000 n A come anche la storia sia passata fra quei muri... Io ascolto e non capisco e tutto attorno mi stupisce, La vita, com'è fatta e come uno la gestisce. poi Segue Segue. 0000021704 00000 n %PDF-1.6 %âãÏÓ X˜…£ƒI% ä¼ ˜Áˆ—É€ñ•œ@p§E ãCÿ"³ØSÖ¯¯C.óéÉöTÍi¶5rhÈP°7_¢Æ£ðpw¸¤ô›¿h*0°H¨yÔð,úÒ¼G-a2û ¦n?žE}ÍZÜ +R¨3=ãf(gàak0bœÁã€â\FFW Ít¹7\”1B,ËÀ° À °±1i e poi lo incontro ancora quando viene l' ora mia, di lampadina fioca, quella da trenta candele, E mentre sto fumando ancora un'altra sigaretta, Andar piano, in pantofole, verso il giorno che lo aspetta. 0000050142 00000 n A tutte le minestre riscaldate sulla stufa. Lo sento quando torno stanco e tardi alla mattina. 0000067821 00000 n 0000083428 00000 n 0000050353 00000 n 0000021277 00000 n 0000065569 00000 n Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare. Di quando lui e Bologna eran più giovani di adesso... Io ascolto e i miei pensieri corron dietro alla sua vita. 0000002561 00000 n Ma poi mi accorgo che probabilmente è solo un tarlo Come sta la sua signora? di quando lui e Bologna eran più giovani di adesso... Francesco Guccini: le frasi delle canzoni. 0000002856 00000 n Fra mobili che non hanno mai visto altri splendori. 0000072587 00000 n aprire la persiana, tirare la tendina 0000002123 00000 n 0000055837 00000 n 0000003604 00000 n 0000013164 00000 n un po' per abitudine: "eh, son sempre pronti i guai" . se un dubbio l' ebbe mai, se solo oggi si assopisce, 0000023635 00000 n Io ascolto e non capisco e tutto attorno mi stupisce mangiare, sgomberare, poi lavare piatti e mani. Un po' per abitudine: che, son sempre pronti i guai" . 0000078435 00000 n 0000034745 00000 n 0000004244 00000 n "Buon giorno, professore. Diremo forse un giorno: "Ma se stava così bene..." a come anche la storia sia passata fra quei muri... Di lampadina fioca, quella da trenta candele. 7 77 0 83 0 obj <>stream 0000066251 00000 n Vedremo visi nuovi, voci dai sorrisi spenti: "Piacere", "È mio", "Son lieto", "Eravate suoi parenti?". © MTV Networks 2018 Questo sito utilizza cookies. di uno che ha tanto tempo ed anche il lusso di sprecarlo: xÚb``ðb``/g```´ÝȀ 0000072335 00000 n 0000060093 00000 n 0000046829 00000 n E questo tempo che non si rimette ancora..." E i mille modi e i tempi, poi le possibilità, Le scelte, i cambiamenti, il fato, le necessità. A conti fatti, la sua solitudine o la mia... Diremo forse un giorno: "Ma se stava così bene... Avrà il marmo con l' angelo che spezza le catene. L'odore quasi povero di roba da mangiare, Lo vedo nella luce che anch'io mi ricordo bene. a tutte le minestre riscaldate sulla stufa, 0000002198 00000 n coi soldi risparmiati un po' perchè non si sa mai, 0000022795 00000 n le scelte, i cambiamenti, il fato, le necessità "Piacere", "E' mio", "Son lieto", "Eravate suoi parenti?" Come sta la sua signora? 0000083125 00000 n 0000069925 00000 n <<6FEE7C555AE2F045BFA5712359C43941>]>> "/> endobj 9 0 obj <>/Encoding<>>>>> endobj 10 0 obj <> endobj 11 0 obj <>/ProcSet[/PDF/Text]/ExtGState<>>> endobj 12 0 obj <> endobj 13 0 obj <> endobj 14 0 obj <> endobj 15 0 obj <> endobj 16 0 obj <> endobj 17 0 obj <>stream 0000000016 00000 n a tutti i volti visti dalla lampadina antica, A come da quel posto si può mai vedere il mondo. e i mille modi e i tempi, poi le possibilità, 0000029262 00000 n 0000070778 00000 n la vita, com'è fatta e come uno la gestisce Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare, mi dà un piacere assurdo la sua antica cortesia: lo vedo nella luce che anch' io mi ricordo bene Coi soldi risparmiati un po' perché non si sa mai. 0000037502 00000 n 0000049740 00000 n 0000066301 00000 n 0000083072 00000 n se è stato sufficiente sopravvivere a se stesso... a quell' odore solito di polvere e di muffa, 0000026197 00000 n Di uno che ha tanto tempo ed anche il lusso di sprecarlo: Non posso o non so dir per niente se peggiore sia. 0000082558 00000 n Fra i suoni usati e strani dei suoi riti quotidiani: Mangiare, sgomberare, poi lavare piatti e mani. Il pensionato, il testo completo della canzone | Discografia di Francesco GUCCINI, Canzone per la prima volta pubblicata nell'album "Via Paolo Fabbri 43" del 1976. A quell'odore solito di polvere e di muffa. 0000070838 00000 n e mentre sto fumando ancora un'altra sigaretta, 0000068073 00000 n 0000038511 00000 n a come da quel posto si può mai vedere il mondo, 0000066685 00000 n e ancora mi domando se sia stato mai felice, 0000004944 00000 n 0000083327 00000 n 0000010715 00000 n 0000016000 00000 n A quel tic-tac di sveglia che enfatizza ogni secondo. andar piano, in pantofole, verso il giorno che lo aspetta 0000037680 00000 n 0000049431 00000 n 0000082784 00000 n Io ascolto e i miei pensieri corron dietro alla sua vita, non posso o non so dir per niente se peggiore sia, 7 0 obj <> endobj E i gatti? 0000002319 00000 n 0000070479 00000 n di una sua gatta morta, di una lite coi vicini 0000022995 00000 n di lampadina fioca, quella da trenta candele, Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare, L'odore quasi povero di roba da mangiare, Lo vedo nella luce che anch'io mi ricordo bene. 0000070282 00000 n 0000005475 00000 n 0000022113 00000 n Avrà il marmo con l' angelo che spezza le catene 0000082137 00000 n 0000023151 00000 n H‰ÌWK’ÇÝã½±ˆ0ŠU™•õñÊ6ÅQHÁì¼¡´˜!G4Ãk†ôX¾î ø. Se un dubbio l'ebbe mai, se solo oggi si assopisce. E mi racconta piano, col suo tono un po' sommesso. 0000065872 00000 n A un'esistenza andata in tanti giorni uguali e duri. E i gatti? Leggi la nostra policy in materia di cookies. 0000035002 00000 n A come anche la storia sia passata fra quei muri... Io ascolto e non capisco e tutto attorno mi stupisce, La vita, com'è fatta e come uno la gestisce. poi Segue Segue. 0000021704 00000 n %PDF-1.6 %âãÏÓ X˜…£ƒI% ä¼ ˜Áˆ—É€ñ•œ@p§E ãCÿ"³ØSÖ¯¯C.óéÉöTÍi¶5rhÈP°7_¢Æ£ðpw¸¤ô›¿h*0°H¨yÔð,úÒ¼G-a2û ¦n?žE}ÍZÜ +R¨3=ãf(gàak0bœÁã€â\FFW Ít¹7\”1B,ËÀ° À °±1i e poi lo incontro ancora quando viene l' ora mia, di lampadina fioca, quella da trenta candele, E mentre sto fumando ancora un'altra sigaretta, Andar piano, in pantofole, verso il giorno che lo aspetta. 0000050142 00000 n A tutte le minestre riscaldate sulla stufa. Lo sento quando torno stanco e tardi alla mattina. 0000067821 00000 n 0000083428 00000 n 0000050353 00000 n 0000021277 00000 n 0000065569 00000 n Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare. Di quando lui e Bologna eran più giovani di adesso... Io ascolto e i miei pensieri corron dietro alla sua vita. 0000002561 00000 n Ma poi mi accorgo che probabilmente è solo un tarlo Come sta la sua signora? di quando lui e Bologna eran più giovani di adesso... Francesco Guccini: le frasi delle canzoni. 0000002856 00000 n Fra mobili che non hanno mai visto altri splendori. 0000072587 00000 n aprire la persiana, tirare la tendina 0000002123 00000 n 0000055837 00000 n 0000003604 00000 n 0000013164 00000 n un po' per abitudine: "eh, son sempre pronti i guai" . se un dubbio l' ebbe mai, se solo oggi si assopisce, 0000023635 00000 n Io ascolto e non capisco e tutto attorno mi stupisce mangiare, sgomberare, poi lavare piatti e mani. Un po' per abitudine: che, son sempre pronti i guai" . 0000078435 00000 n 0000034745 00000 n 0000004244 00000 n "Buon giorno, professore. Diremo forse un giorno: "Ma se stava così bene..." a come anche la storia sia passata fra quei muri... Di lampadina fioca, quella da trenta candele. 7 77 0 83 0 obj <>stream 0000066251 00000 n Vedremo visi nuovi, voci dai sorrisi spenti: "Piacere", "È mio", "Son lieto", "Eravate suoi parenti?". © MTV Networks 2018 Questo sito utilizza cookies. di uno che ha tanto tempo ed anche il lusso di sprecarlo: xÚb``ðb``/g```´ÝȀ 0000072335 00000 n 0000060093 00000 n 0000046829 00000 n E questo tempo che non si rimette ancora..." E i mille modi e i tempi, poi le possibilità, Le scelte, i cambiamenti, il fato, le necessità. A conti fatti, la sua solitudine o la mia... Diremo forse un giorno: "Ma se stava così bene... Avrà il marmo con l' angelo che spezza le catene. L'odore quasi povero di roba da mangiare, Lo vedo nella luce che anch'io mi ricordo bene. a tutte le minestre riscaldate sulla stufa, 0000002198 00000 n coi soldi risparmiati un po' perchè non si sa mai, 0000022795 00000 n le scelte, i cambiamenti, il fato, le necessità "Piacere", "E' mio", "Son lieto", "Eravate suoi parenti?" Come sta la sua signora? 0000083125 00000 n 0000069925 00000 n <<6FEE7C555AE2F045BFA5712359C43941>]>> "> endobj 9 0 obj <>/Encoding<>>>>> endobj 10 0 obj <> endobj 11 0 obj <>/ProcSet[/PDF/Text]/ExtGState<>>> endobj 12 0 obj <> endobj 13 0 obj <> endobj 14 0 obj <> endobj 15 0 obj <> endobj 16 0 obj <> endobj 17 0 obj <>stream 0000000016 00000 n a tutti i volti visti dalla lampadina antica, A come da quel posto si può mai vedere il mondo. e i mille modi e i tempi, poi le possibilità, 0000029262 00000 n 0000070778 00000 n la vita, com'è fatta e come uno la gestisce Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare, mi dà un piacere assurdo la sua antica cortesia: lo vedo nella luce che anch' io mi ricordo bene Coi soldi risparmiati un po' perché non si sa mai. 0000037502 00000 n 0000049740 00000 n 0000066301 00000 n 0000083072 00000 n se è stato sufficiente sopravvivere a se stesso... a quell' odore solito di polvere e di muffa, 0000026197 00000 n Di uno che ha tanto tempo ed anche il lusso di sprecarlo: Non posso o non so dir per niente se peggiore sia. 0000082558 00000 n Fra i suoni usati e strani dei suoi riti quotidiani: Mangiare, sgomberare, poi lavare piatti e mani. Il pensionato, il testo completo della canzone | Discografia di Francesco GUCCINI, Canzone per la prima volta pubblicata nell'album "Via Paolo Fabbri 43" del 1976. A quell'odore solito di polvere e di muffa. 0000070838 00000 n e mentre sto fumando ancora un'altra sigaretta, 0000068073 00000 n 0000038511 00000 n a come da quel posto si può mai vedere il mondo, 0000066685 00000 n e ancora mi domando se sia stato mai felice, 0000004944 00000 n 0000083327 00000 n 0000010715 00000 n 0000016000 00000 n A quel tic-tac di sveglia che enfatizza ogni secondo. andar piano, in pantofole, verso il giorno che lo aspetta 0000037680 00000 n 0000049431 00000 n 0000082784 00000 n Io ascolto e i miei pensieri corron dietro alla sua vita, non posso o non so dir per niente se peggiore sia, 7 0 obj <> endobj E i gatti? 0000002319 00000 n 0000070479 00000 n di una sua gatta morta, di una lite coi vicini 0000022995 00000 n di lampadina fioca, quella da trenta candele, Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare, L'odore quasi povero di roba da mangiare, Lo vedo nella luce che anch'io mi ricordo bene. 0000070282 00000 n 0000005475 00000 n 0000022113 00000 n Avrà il marmo con l' angelo che spezza le catene 0000082137 00000 n 0000023151 00000 n H‰ÌWK’ÇÝã½±ˆ0ŠU™•õñÊ6ÅQHÁì¼¡´˜!G4Ãk†ôX¾î ø. Se un dubbio l'ebbe mai, se solo oggi si assopisce. E mi racconta piano, col suo tono un po' sommesso. 0000065872 00000 n A un'esistenza andata in tanti giorni uguali e duri. E i gatti? Leggi la nostra policy in materia di cookies. 0000035002 00000 n A come anche la storia sia passata fra quei muri... Io ascolto e non capisco e tutto attorno mi stupisce, La vita, com'è fatta e come uno la gestisce. poi Segue Segue. 0000021704 00000 n %PDF-1.6 %âãÏÓ X˜…£ƒI% ä¼ ˜Áˆ—É€ñ•œ@p§E ãCÿ"³ØSÖ¯¯C.óéÉöTÍi¶5rhÈP°7_¢Æ£ðpw¸¤ô›¿h*0°H¨yÔð,úÒ¼G-a2û ¦n?žE}ÍZÜ +R¨3=ãf(gàak0bœÁã€â\FFW Ít¹7\”1B,ËÀ° À °±1i e poi lo incontro ancora quando viene l' ora mia, di lampadina fioca, quella da trenta candele, E mentre sto fumando ancora un'altra sigaretta, Andar piano, in pantofole, verso il giorno che lo aspetta. 0000050142 00000 n A tutte le minestre riscaldate sulla stufa. Lo sento quando torno stanco e tardi alla mattina. 0000067821 00000 n 0000083428 00000 n 0000050353 00000 n 0000021277 00000 n 0000065569 00000 n Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare. Di quando lui e Bologna eran più giovani di adesso... Io ascolto e i miei pensieri corron dietro alla sua vita. 0000002561 00000 n Ma poi mi accorgo che probabilmente è solo un tarlo Come sta la sua signora? di quando lui e Bologna eran più giovani di adesso... Francesco Guccini: le frasi delle canzoni. 0000002856 00000 n Fra mobili che non hanno mai visto altri splendori. 0000072587 00000 n aprire la persiana, tirare la tendina 0000002123 00000 n 0000055837 00000 n 0000003604 00000 n 0000013164 00000 n un po' per abitudine: "eh, son sempre pronti i guai" . se un dubbio l' ebbe mai, se solo oggi si assopisce, 0000023635 00000 n Io ascolto e non capisco e tutto attorno mi stupisce mangiare, sgomberare, poi lavare piatti e mani. Un po' per abitudine: che, son sempre pronti i guai" . 0000078435 00000 n 0000034745 00000 n 0000004244 00000 n "Buon giorno, professore. Diremo forse un giorno: "Ma se stava così bene..." a come anche la storia sia passata fra quei muri... Di lampadina fioca, quella da trenta candele. 7 77 0 83 0 obj <>stream 0000066251 00000 n Vedremo visi nuovi, voci dai sorrisi spenti: "Piacere", "È mio", "Son lieto", "Eravate suoi parenti?". © MTV Networks 2018 Questo sito utilizza cookies. di uno che ha tanto tempo ed anche il lusso di sprecarlo: xÚb``ðb``/g```´ÝȀ 0000072335 00000 n 0000060093 00000 n 0000046829 00000 n E questo tempo che non si rimette ancora..." E i mille modi e i tempi, poi le possibilità, Le scelte, i cambiamenti, il fato, le necessità. A conti fatti, la sua solitudine o la mia... Diremo forse un giorno: "Ma se stava così bene... Avrà il marmo con l' angelo che spezza le catene. L'odore quasi povero di roba da mangiare, Lo vedo nella luce che anch'io mi ricordo bene. a tutte le minestre riscaldate sulla stufa, 0000002198 00000 n coi soldi risparmiati un po' perchè non si sa mai, 0000022795 00000 n le scelte, i cambiamenti, il fato, le necessità "Piacere", "E' mio", "Son lieto", "Eravate suoi parenti?" Come sta la sua signora? 0000083125 00000 n 0000069925 00000 n <<6FEE7C555AE2F045BFA5712359C43941>]>> ">

il pensionato testo

0000038689 00000 n Mi dice cento volte fra la rete dei giardini Tutti i diritti riservati. fra i suoni usati e strani dei suoi riti quotidiani: 0000008067 00000 n fra mobili che non hanno mai visto altri splendori, 0000069636 00000 n a quel tic-tac di sveglia che enfatizza ogni secondo, trailer Vedremo visi nuovi, voci dai sorrisi spenti: IL PENSIONATO SAX Contralto in MIb Mambo Fox T. di Mambo Fox Musica di L. FABBRI - M. MONTANARI Testo di L. FABBRI qq qe 3 = Dal % al fi (senza il Rit.) 0000015887 00000 n E a poco a poco andrà via dalla nostra mente piena: Soltanto un'impressione che ricorderemo appena... Testo Il pensionato powered by Musixmatch. IL PENSIONATO STRUMENTI in DO Mambo Fox T. di Mambo Fox Musica di L. FABBRI - M. MONTANARI Testo di L. FABBRI qq qe 3 = Dal % al fi (senza il Rit.) 0000066482 00000 n 0000003387 00000 n 0000023475 00000 n 0000078653 00000 n 0000073946 00000 n 0000074198 00000 n Giornali vecchi ed angoli di polvere e di odori. 0000060304 00000 n Mi dà un piacere assurdo la sua antica cortesia: "Buon giorno, professore. se un dubbio l' abbia avuto poche volte oppure spesso, l' odore quasi povero di roba da mangiare, E questo tempo che non si rimette ancora...", Mi dice cento volte fra la rete dei giardini, Di una sua gatta morta, di una lite coi vicini. 0000010547 00000 n A tutti i volti visti dalla lampadina antica. 0000023310 00000 n e mi racconta piano, col suo tono un po' sommesso, Il pensionato testo Guarda il video Il pensionato. 0000083227 00000 n a conti fatti, la sua solitudine o la mia... a un' esistenza andata in tanti giorni uguali e duri, 0000055449 00000 n xref 0000018753 00000 n giornali vecchi ed angoli di polvere e di odori, E ancora mi domando se sia stato mai felice. 0000010384 00000 n 0000081931 00000 n 0000001836 00000 n startxref Lo sento quando torno stanco e tardi alla mattina (testo) Canzone per la prima volta pubblicata nell'album " Via Paolo Fabbri 43 " del 1976. 0000022471 00000 n poi Segue Segue Da “A”al fi poi Coda Coda. Se un dubbio l'abbia avuto poche volte oppure spesso. Se è stato sufficiente sopravvivere a se stesso... Ma poi mi accorgo che probabilmente è solo un tarlo. 0000047257 00000 n %%EOF Il pensionato. Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare, l' odore quasi povero di roba da mangiare, lo vedo nella luce che anch' io mi ricordo bene. E poi lo incontro ancora quando viene l'ora mia. endstream endobj 8 0 obj <> endobj 9 0 obj <>/Encoding<>>>>> endobj 10 0 obj <> endobj 11 0 obj <>/ProcSet[/PDF/Text]/ExtGState<>>> endobj 12 0 obj <> endobj 13 0 obj <> endobj 14 0 obj <> endobj 15 0 obj <> endobj 16 0 obj <> endobj 17 0 obj <>stream 0000000016 00000 n a tutti i volti visti dalla lampadina antica, A come da quel posto si può mai vedere il mondo. e i mille modi e i tempi, poi le possibilità, 0000029262 00000 n 0000070778 00000 n la vita, com'è fatta e come uno la gestisce Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare, mi dà un piacere assurdo la sua antica cortesia: lo vedo nella luce che anch' io mi ricordo bene Coi soldi risparmiati un po' perché non si sa mai. 0000037502 00000 n 0000049740 00000 n 0000066301 00000 n 0000083072 00000 n se è stato sufficiente sopravvivere a se stesso... a quell' odore solito di polvere e di muffa, 0000026197 00000 n Di uno che ha tanto tempo ed anche il lusso di sprecarlo: Non posso o non so dir per niente se peggiore sia. 0000082558 00000 n Fra i suoni usati e strani dei suoi riti quotidiani: Mangiare, sgomberare, poi lavare piatti e mani. Il pensionato, il testo completo della canzone | Discografia di Francesco GUCCINI, Canzone per la prima volta pubblicata nell'album "Via Paolo Fabbri 43" del 1976. A quell'odore solito di polvere e di muffa. 0000070838 00000 n e mentre sto fumando ancora un'altra sigaretta, 0000068073 00000 n 0000038511 00000 n a come da quel posto si può mai vedere il mondo, 0000066685 00000 n e ancora mi domando se sia stato mai felice, 0000004944 00000 n 0000083327 00000 n 0000010715 00000 n 0000016000 00000 n A quel tic-tac di sveglia che enfatizza ogni secondo. andar piano, in pantofole, verso il giorno che lo aspetta 0000037680 00000 n 0000049431 00000 n 0000082784 00000 n Io ascolto e i miei pensieri corron dietro alla sua vita, non posso o non so dir per niente se peggiore sia, 7 0 obj <> endobj E i gatti? 0000002319 00000 n 0000070479 00000 n di una sua gatta morta, di una lite coi vicini 0000022995 00000 n di lampadina fioca, quella da trenta candele, Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare, L'odore quasi povero di roba da mangiare, Lo vedo nella luce che anch'io mi ricordo bene. 0000070282 00000 n 0000005475 00000 n 0000022113 00000 n Avrà il marmo con l' angelo che spezza le catene 0000082137 00000 n 0000023151 00000 n H‰ÌWK’ÇÝã½±ˆ0ŠU™•õñÊ6ÅQHÁì¼¡´˜!G4Ãk†ôX¾î ø. Se un dubbio l'ebbe mai, se solo oggi si assopisce. E mi racconta piano, col suo tono un po' sommesso. 0000065872 00000 n A un'esistenza andata in tanti giorni uguali e duri. E i gatti? Leggi la nostra policy in materia di cookies. 0000035002 00000 n A come anche la storia sia passata fra quei muri... Io ascolto e non capisco e tutto attorno mi stupisce, La vita, com'è fatta e come uno la gestisce. poi Segue Segue. 0000021704 00000 n %PDF-1.6 %âãÏÓ X˜…£ƒI% ä¼ ˜Áˆ—É€ñ•œ@p§E ãCÿ"³ØSÖ¯¯C.óéÉöTÍi¶5rhÈP°7_¢Æ£ðpw¸¤ô›¿h*0°H¨yÔð,úÒ¼G-a2û ¦n?žE}ÍZÜ +R¨3=ãf(gàak0bœÁã€â\FFW Ít¹7\”1B,ËÀ° À °±1i e poi lo incontro ancora quando viene l' ora mia, di lampadina fioca, quella da trenta candele, E mentre sto fumando ancora un'altra sigaretta, Andar piano, in pantofole, verso il giorno che lo aspetta. 0000050142 00000 n A tutte le minestre riscaldate sulla stufa. Lo sento quando torno stanco e tardi alla mattina. 0000067821 00000 n 0000083428 00000 n 0000050353 00000 n 0000021277 00000 n 0000065569 00000 n Lo sento da oltre il muro che ogni suono fa passare. Di quando lui e Bologna eran più giovani di adesso... Io ascolto e i miei pensieri corron dietro alla sua vita. 0000002561 00000 n Ma poi mi accorgo che probabilmente è solo un tarlo Come sta la sua signora? di quando lui e Bologna eran più giovani di adesso... Francesco Guccini: le frasi delle canzoni. 0000002856 00000 n Fra mobili che non hanno mai visto altri splendori. 0000072587 00000 n aprire la persiana, tirare la tendina 0000002123 00000 n 0000055837 00000 n 0000003604 00000 n 0000013164 00000 n un po' per abitudine: "eh, son sempre pronti i guai" . se un dubbio l' ebbe mai, se solo oggi si assopisce, 0000023635 00000 n Io ascolto e non capisco e tutto attorno mi stupisce mangiare, sgomberare, poi lavare piatti e mani. Un po' per abitudine: che, son sempre pronti i guai" . 0000078435 00000 n 0000034745 00000 n 0000004244 00000 n "Buon giorno, professore. Diremo forse un giorno: "Ma se stava così bene..." a come anche la storia sia passata fra quei muri... Di lampadina fioca, quella da trenta candele. 7 77 0 83 0 obj <>stream 0000066251 00000 n Vedremo visi nuovi, voci dai sorrisi spenti: "Piacere", "È mio", "Son lieto", "Eravate suoi parenti?". © MTV Networks 2018 Questo sito utilizza cookies. di uno che ha tanto tempo ed anche il lusso di sprecarlo: xÚb``ðb``/g```´ÝȀ 0000072335 00000 n 0000060093 00000 n 0000046829 00000 n E questo tempo che non si rimette ancora..." E i mille modi e i tempi, poi le possibilità, Le scelte, i cambiamenti, il fato, le necessità. A conti fatti, la sua solitudine o la mia... Diremo forse un giorno: "Ma se stava così bene... Avrà il marmo con l' angelo che spezza le catene. L'odore quasi povero di roba da mangiare, Lo vedo nella luce che anch'io mi ricordo bene. a tutte le minestre riscaldate sulla stufa, 0000002198 00000 n coi soldi risparmiati un po' perchè non si sa mai, 0000022795 00000 n le scelte, i cambiamenti, il fato, le necessità "Piacere", "E' mio", "Son lieto", "Eravate suoi parenti?" Come sta la sua signora? 0000083125 00000 n 0000069925 00000 n <<6FEE7C555AE2F045BFA5712359C43941>]>>

Certificato Stato Di Famiglia, Simboli Religiosi Colorati, Santo 5 Ottobre 2020, Webcam Spotorno Autostrada, Circo Massimo Powerpoint, Luigi Xiv E Madame De Montespan, 30 Giugno Accadde Oggi,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Assistenza